11 febbraio 2014

Fare la pole e gasarsi sono cose diverse

Questo video del test al banco del motore V8 Volvo per il campionato Superstars (5 litri, 650 CV, provenienza Yamaha) permette alcune considerazioni. Innanzitutto quella che fortunatamente non tutto subisce il downsizing e la complicazione tecnica della F1; bene. Poi che tra quello che le orecchie (e il cuore) gradiscono e le specifiche costruttive c'è un abisso. Eh?- direte. Mi spiego. Dal sound del V8 si intuisce come abbia l'albero piatto, vale a dire gli scoppi avvengono simultaneamente in due cilindri. Una soluzione sportiva (Ferrari, McLaren, Lotus) usata anche in produzione, nonostante le megavibrazioni perché a parità di cilindrata dà più potenza. Ma per ottenere un suono coinvolgente bisogna lavorare molto sull'acustica (come Ferrari, appunto), perché l'emissione sonora in definitiva è quella di quattro cilindri, rinforzati ma pur sempre 4, perché "suonano" a due a due. Volete mettere invece un bel V8 con l'albero in croce e il suo pulsare ritmico, meglio se intorno ai 2.000-2.500 giri? Fate il confronto con il sound Camaro del secondo video.

Nessun commento:

Posta un commento