31 maggio 2016

Mercedes mette il filtro ai benzina

Sinora i filtri antiparticolato, quelli con o senza l'iniezione di ossido di cerio (brevetto del gruppo PSA) li abbiamo visti soltanto sulle auto Diesel. Ne consegue sia comune pensiero che questo tipo di inquinante venga emesso soltanto dalle auto a gasolio. E invece no, il particolato si origina anche dalla combustione della benzina, pur se in quantità e struttura chimica diverse. E la situazione è diventata critica con il diffondersi dell'iniezione diretta che, come nel caso di motori ad accensione per compressione, ha determinato una salita esponenziale delle emissioni di questo tipo anche sui motori ad accensione comandata, un tempo poco problematici su questo versante. Le prossime regolamentazioni Euro 6C prevedono limiti stringenti in questo senso ed è per questo che la Mercedes inizierà a montare i filtri antiparticolato anche sui motori a benzina. Si comincia con i V8 della S 500 ma in prospettiva ogni motore dovrà esserne dotato. E gli altri costruttori dovranno a loro volta adeguarsi, a meno delle solite gabole legali o di passare all'elettrico integrale. Decisamente il futuro dei motori a combustione è sempre meno roseo, perché tanto più se ne cerca l'aumento di efficienza, tanto meno se ne ottiene la compatibilità ambientale. Pensateci: alla fine le cose andavano meglio con sistemi di iniezione più semplici e meno costosi.

Nessun commento:

Posta un commento