1 settembre 2016

Electric dreams


Certo che dai furgoni del latte londinesi a oggi gli autocarri ne hanno fatta di strada. Parlo di quelli elettrici, ovviamente, e il commento viene spontaneo dando un'occhiata al nuovo prototipo Nikola, startup yankee che ha realizzato un trattore per semirimorchi azionato elettricamente e dotato di un range extender a idrogeno. Primo commento, a latere. Capisco che negli Usa occorra adeguarsi sempre al mood collettivo per sfondare, ma forse distaccarsi da Tesla con maggiore fantasia nei nomi renderebbe meno "fotocopia" ogni nuova iniziativa; Nikola era infatti il nome del controverso genio elettrotecnico del secolo scorso. Ok, valutiamo l'idea globale. Innanzitutto il range extender non è, come verrebbe naturale pensare, costituito da una fuel cell, ma da un turboalternatore, pur alimentato dal leggero gas. Non ci sono quindi emissioni carboniose, ma di composti di azoto sì. E il sospetto che l'autonomia di quasi 2.000 km sia ottenuta per la gran parte con il sistema a combustione è del tutto lecito, anche perché per erogare 2.000 CV di potenza su un veicolo destinato al traino di grandi pesi il consumo elettrico sugli accumulatori non dev'essere risibile. Idrogeno quindi, che la società intende fornire a impatto zero sulle emissioni mediante una rete proprietaria di impianti di elettrolisi alimentati da fonti eoliche e solari; da notare che oggi questa rete di fatto non c'è. Ma non basta, Nikola intende anche creare un network di stazioni di rifornimento, almeno 50 entro il 2020, un numero non enorme ma adeguato vista la grande autonomia dei truck. Bene, sappiamo che attualmente la clean transportation è uno degli argomenti di punta in America, ma mi sembra che questo piano sia parecchio ambizioso e soprattutto venda già oggi degli autocarri che di fatto non possono ancora circolare. A 375.000 dollari al pezzo, nello specifico, ma ci sono già leasing dedicati. Insomma una bella operazione di marketing, che ha già raccolto, dicono, circa 7.000 ordini. Vedremo se avrà successo.

Nessun commento:

Posta un commento