14 settembre 2016

Primi km della Volvo autonoma


Come molti altri costruttori, Volvo prosegue nella corsa all'automobile autonoma, concetto che sta perfettamente nella new age (la chiamano 4a rivoluzione industriale) di un mondo dove a parte pochi (fortunati?) tutti vedranno ruoli, lavoro e compiti svolti da macchine intelligenti, macchine in senso ampio, intendo. Speriamo ci restino almeno i neuroni e che non si deleghi anche il pensiero ai robot. Anyway Volvo, dicevo, va avanti e venerdì è uscita dallo stabilimento di Göteborg la prima XC90 destinata ai test. Prove che si svolgeranno su un circuito cittadino di 50 km, sul quale le vetture si muoveranno, appunto, autonomamente. Un ruolo di guidatori è già stato selezionato e impiegherà le vetture; quando l'auto entrerà in una delle zone previste per la sperimentazione si attiverà un messaggio di avviso sul cruscotto associato al lampeggio di luci poste sui paddles al volante. A questo punto al pilota basterà tirare entrambe le palette in segno di assenso e il sistema entrerà in modalità automatica. All'uscita dal percorso autonomo si ripetono il messaggio e il consenso con le palette, ma se il guidatore fosse distratto e non ottemperasse alla procedura, la XC90 si fermerebbe automaticamente a bordo strada. Volvo ha pianificato per il 2021 il lancio delle prime auto self driving sul mercato e in questo senso l'agreement con Ford, Uber, Lyft e Google dovrebbe accelerare le messe a punto; non che la joint funzioni allo stesso modo per tutti gli attori, però, visto cosa accade a Mountain View.

Nessun commento:

Posta un commento