12 gennaio 2017

Electric dreams


Il marchio AMG è conosciuto e apprezzato per le auto ad alte prestazioni e per la sofisticata tecnologia motoristica. In particolare, proprio quest'ultima pone il brand del gruppo Daimler-Benz in posizione di primato per raffinatezza e doti stradali. Dato che quest'anno cade il cinquantenario della divisione sportiva, ci si aspetterebbe magari una edizione speciale del V8 con una vagonata di cavalli in più; una chicca da incorniciare, insomma. E invece no. Proprio a cavallo del giro di boa del mezzo secolo AMG annuncia per bocca del suo capo dello sviluppo Ola Källenius che nel proprio futuro ci sarà molta corrente; elettrica intendo. A partire dalla Project One (nome ufficiale, prima si chiamava R50) da oltre 1.000 cavalli che impiega il sistema ibrido della vettura di F1, ma anche con versioni elettriche delle auto in listino come la SLS AMG Electric Drive del 2014 e sempre più con vetture sviluppate ex novo per il sistema di trazione a batterie prese dalla nuova serie EQ di Mercedes, quella che dominerà il futuro del marchio. Ma Källenius assicura che il must aziendale delle prestazioni e del piacere di guida non verrà meno, anzi, viste le potenze e le coppie disponibili sarà ancora maggiore. Insomma non succederà come alla Brabus, che da tuner di motori si è trasformata in allestitore di versioni extra lusso. Ci credo, ma fatevi un giro con la SLS Black Series sulla Nordschleife e ditemi se con un'elettrica sarà la stessa cosa.

Nessun commento:

Posta un commento