2 marzo 2017

DS 7 Crossback, il futuro secondo DS





Ormai ogni costruttore è d’accordo nel ritenere che il futuro dell’auto sia SUV e questa certezza ispira le scelte di sviluppo dei diversi marchi. Così DS, il brand di lusso del gruppo PSA  rivela la DS 7 Crossback, prima auto della seconda generazione, quella che si rifarà in modo più stringente ai criteri di esclusività e ricercatezza che furono alla base delle auto prodotte da André Citroën.  Nelle intenzioni dei progettisti l’intento di rendere la DS 7 immediatamente riconoscibile. Quindi ecco il frontale con i proiettori complessi a led costituiti da un sistema a lente e tre punti luce per parte, che allo sblocco dell’auto si illuminano in porpora per poi ruotare di 180° sull’asse, e la griglia esagonale, principali elementi di questa strategia, sottolineati dal breve lampeggio delle frecce a scorrimento. Le luci diurne, anch’esse a led, sono verticali, altro elemento che segna l’appartenenza alla stirpe, configurate secondo una disposizione chiamata punto perla, preziosismo estetico che collabora all’effetto complessivo. I gruppi posteriori si ispirano a quelli della concept DS Tense e sono realizzati con la tecnologia 3D full led con un disegno a scaglie tridimensionale. All’interno due schermi tattili ad alta definizione da 12 pollici sono collocati uno al centro della plancia e connesso al navigatore e al sistema multimediale DS Connect, l’altro nel cruscotto davanti al guidatore, al posto della strumentazione e ampiamente personalizzabile. Come personalizzabile è l’allestimento, disponibile in cinque “ispirazioni” Bastille, Rivoli, Faubourg, Opéra e Performance, tutte caratterizzate dalla grande cura dei particolari e dalla qualità dei materiali impiegati, dal legno trattato antiscaglia alla nappa, all’Alcantara, con lavorazioni semi-artigianali di grande effetto estetico che aggiungono classe a un interno decisamente molto “francese” . Al centro della plancia la chicca dell’orologio analogico BRM con decorazioni guilloché del quadrante, che esce dalla custodia ruotando su sé stesso all’avviamento della vettura. La tecnologia di sicurezza e assistenza alla guida comprende il sistema semi-autonomo Connected Pilot e quello di parcheggio Park Pilot, quello a infrarossi per l’individuazione di ostacoli altrimenti invisibili Night Vision e il Driver Attention Assist che monitora il comportamento del guidatore per coglierne la stanchezza ed evitare i pericoli di colpi di sonno e disattenzioni. La gamma prevede i motori a benzina THP 225 e THP 180 dall’omonima potenza accoppiati a una cambio automatico a 8 rapporti, o il Pure Tech 130 con cambio manuale a 6 marce. I Diesel sono il BLueHDi 130 con cambio manuale, cui seguirà il BlueHDi180 con l’automatico a 8. Esiste poi una versione ibrida E-Tense a trazione integrale permanente, che prevede un motore termico a benzina da 200 Cv e due motori elettrici da 80 kW collocati anteriormente e posteriormente, per un potenza complessiva di 300 Cv. Il pacco batterie da 13 kWh è collocato nel pianale e non sottrae spazio al vano bagagli, mentre l’autonomia a  emissioni zero è di 60 km, con un tempo di ricarica tramite la presa plug-in di 4 ore e 30 minuti, che scendono a 2 ore e mezza con una presa da 32 A. La vettura sarà disponibile dal 2018, ma è già ordinabile: per il lancio è stata allestita la versione Premiére in grigio artense, grigio perla o nero perla con interni in pelle nappa nel colore dedicato art rubis,; l'auto è full optional e adotta cerchi da 20": I motori sono i top di gamma: il Diesel da 180 CV e il benzina turbo da 225, tutti con cambio automatico a 8 rapporti. Dal 7 marzo a fine anno la prenotazione sul sito www.reservationLaPremiere.DS7Crossback.fr.

Nessun commento:

Posta un commento