13 marzo 2017

Nio, brand commerciale di NextEV




Di NextEV parlavamo a proposito di supercar, della EP9, in particolare. Ma tre giorni fa a Austin, Texas, i cinesi del management hanno presentato un nuovo brand, Nio, destinato a prodotti meno esotici (si fa per dire) ma più di massa e quindi forieri di guadagni e non solo di immagine come la supercar elettrica di cui sopra. La Eve, prima creazione del marchio, sarà del tutto autonoma e mira a insidiare il successo di Tesla con equipaggiamenti all'avanguardia ed esclusivi. Il sistema autonomo è stato studiato con Nvidia e Mobileye e realizzato con un'interfaccia a intelligenza artificiale che si materializza come un'assistente di nome Nomi. Nomi interagisce in senso proprio: con lei si parla e la si interroga per ottenere le diverse funzioni di cui dispone l'auto. Nomi risponde vocalmente oppure per iscritto sullo schermo digitale a realtà aumentata che sta di fronte al parabrezza. Il tutto mentre gli occupanti si rilassano nella lounge che sta alla base dell'ispirazione di arredamento per l'abitacolo. Dentro non ci sono sterzo né pedali, self driving integrale, dunque, con l'implementazione dei sistemi di comunicazione verso le strutture di controllo esterne (che non ci sono ancora, peraltro) e le altre vetture autonome in circolazione, un po' come sugli aerei quindi. A dispetto della presentazione negli Usa, Nio nel continente ha solo uno dei centri stile (gli altri sono in Germania e UK)  mentre è a Shanghai che inizierà la produzione; dal 2020, dicono.

Nessun commento:

Posta un commento