2 marzo 2017

Sport Turismo is coming



E' da due anni che se ne parla, anzi, sin dalla concept del 2012. Ora la Panamera Sport Turismo debutta, ovviamente a Ginevra. Realizzata sulla scocca della seconda generazione, è molto Sport e poco Turismo, dato che vede una crescita di soli 20 litri del volume destinato ai bagagli; abbattendo gli schienali si arriva però a 1.390. L'auto è assai simile alla concept ma a mio parere non del tutto riuscita stilisticamente: l'imponenza dei volumi la rende infatti un po' pesante e le modifiche nella parte posteriore destinate ad accogliere la maggiore superficie vetrata non aiutano; ma riconosco che è una questione di opinioni. Le station sportive stanno però nel dna del gruppo VW e questa versione della Panamera mostra un'apertura del portellone a filo del paraurti per rendere più facile il carico, portellone che incorpora nella parte superiore uno spoiler ad azionamento elettrico, soluzione tipica di Porsche che aggiunge fino a 50 kg di deportanza alla veloce vettura. Il suo funzionamento è controllato elettronicamente: fino a 170 orari è retratto e riduce la resistenza aerodinamica, oltre tale limite emerge con un'angolazione di 1° nella configurazione definita performance. Se però il guidatore seleziona la modalità di guida Sport o Sport Plus lo spoiler si estende già a 90 km/h, soluzione leggermente esibizionistica che si associa a quella con angolazione a 26° che serve a ridurre il fruscio aerodinamico quando il tetto apribile è aperto. Tanto impegno per l'aerodinamica posteriore trova riscontro nello spazio a bordo, che dietro prevede tre sedili, con quello centrale che risulta però sacrificato tanto in larghezza quanto dal tunnel centrale. Diversi i motori disponibili: V6 turbo 3 litri da 330 CV per la Panamera 4, V6 turbo 2,9 litri da 440 CV per la 4S, V8 biturbo di 4 litri da 550 CV per la Turbo. Poi ci sono la turbodiesel, V8 con  422 CV e la 4 E-Hybrid con un V6 2,9 da 330 CV e un motore elettrico da 136 per un totale combinato di 462 CV. Prezzi a partire da 101.562 euro, ça va sans dire.

Nessun commento:

Posta un commento