24 aprile 2017

AMG in cerca di assoluti



Se AMG sviluppa un nuovo motore, poi intende certo usarlo al meglio. Così il nuovo V8 biturbo da 612 CV e 850 Nm della E 63 S 4 MATIC+  comincia a diffondersi. Per ora sulle S e precisamente sulla S63, appena presentata al salone di Shanghai. Il "vecchio" V8, sempre biturbo, di 5,5 litri sta quindi uscendo di scena, mentre il V12 montato sulla S 65, quella da 630 CV e 1.000 Nm resiste, ma solo per i mercati decadenti come quello cinese, dove un monumento conta più della effettiva cattiveria: mentre infatti la S 63 va a da 0 a 100 in 3,5 secondi (c'è pure il launch control, roba da non crederci!), la S 65, nonostante i dati tecnici virtualmente superiori ferma il cronometro su 4,3 secondi, principalmente a causa del "vecchio" cambio a 7 marce, mentre la sorella minore adotta quello nuovo a 9, entrambi con frizione a dischi multipli in luogo del convertitore.

La corsa alla potenza prosegue anche con la Project One, la ipercar da quasi 2 milioni e mezzo che debutterà in settembre al salone di Francoforte e sarà prodotta in soli 275 esemplari. Le indiscrezioni raccontavano di diverse opzioni per il propulsore, ma alla fine ha vinto la logica di dare all'auto proprio il motore di F1, il V6 turbo di 1,6 litri. In questo caso la potenza è calata però dagli oltre 900 CV iniziali agli attuali 760 per ciò che attiene il gruppo termico, mentre la potenza complessiva dovrebbe raggiungere i 1.034 CV grazie al supporto dei motori elettrici sparsi per la vettura. Il layout ne prevede infatti due all'asse anteriore, uno sull'ingresso del cambio e uno connesso al turbo per il recupero energetico e l'annullamento del ritardo di risposta. La Project One dovrebbe pesare attorno ai 1.300 kg comprese le batterie al litio, capaci di donarle un'autonomia puramente elettrica di una cinquantina di chilometri. 

Nessun commento:

Posta un commento