9 aprile 2017

Sinergia animale


Come definireste voi l'installazione del V8 6.2 sovralimentato da 717 CV e 882 Nm della Dodge Challenger (e della Charger) Hellcat su una Jeep? Esagerata? Fuori di testa? Iperanimale? Roger, vanno tutti bene; sono adatti a configurare l'oggetto, ossia la Grand Cherokee Trackhawk. Nessuna riduzione di potenza: i ponies sono tutti lì e scalpitano sulle 4 ruote grazie a una trasmissione integrale permanente rivista con albero tutto nuovo e modifiche al ripartitore, irrobustito con ingranaggi in acciaio speciale e una doppia catena al posto di quella singola, mentre l'assale posteriore è completamente nuovo. La vettura, che sarà presentata al NY Auto Show che apre il 14 aprile prossimo, è la Jeep più potente e prestazionale di sempre, con uno 0-60 mph (96 km/h) in 3,56 secondi, il classico quarto di miglio (402,25 m) in 11,6 e una velocità massima di 180 mph, pari a 290 km/h. Paura? beh, comprensibile con un bestione da oltre 2,5 tonnellate: Ma i freni sono Brembo con dischi da 40 cm e pinze a 6 pistoncini, capaci di fermare anche un 747, tanto che la Casa dà il 60-0 in meno di 35 m. Mantenute le cinque modalità di guida della SRT, Auto, Sport, Track, Snow e Tow; riguardo quest'ultima, però, nonostante il maggior vigore la capacità di traino è la stessa della Grand Cherokee standard con il V8 5.7, pari a 3.266 kg. Niente movimentazione container, quindi. L'ultima chicca riguarda una pratica assai diffusa negli States, il valet parking, cioè il ragazzo che quando arrivi al ristorante prende le chiavi della tua auto, la porta al parcheggio e te la riporta quando te ne vai. Un lavoro svolto tipicamente da chi le auto così le sogna di notte e che potrebbe essere preda dello spirito animale che alloggia sotto il cofano, facendo danni. L'auto è munita di un valet mode azionabile solo dal proprietario che spompa il V8 al livello del V6 e toglie ogni velleità da schiodatombini. Tanto per stare sicuri.

Nessun commento:

Posta un commento