14 marzo 2018

Il lancio più lento della storia


L'attesa infinita della nuova Supra sembra sia giunta al termine, ma anche no, vista la lentezza non solo dello sviluppo del modello ma anche delle info al riguardo, costantemente scompigliate dalle voci di somiglianza tecnica o meno con la prossima BMW Z4. Possiamo però almeno fare il punto allo stato attuale. Tutto inizia con i primi contatti con BMW che vuole rieditare la Z4 ma senza spendere troppo poiché si tratta di un modello di nicchia. La partnership con il marchio bavarese  arriva ufficialmente nel 2013 e il progetto A90, codice interno del marchio, comincia lo sviluppo. Il team di progettisti prende ampio spunto dalla vecchia Supra ma tiene in conto anche il know how maturato con la GT-86, nata bene con il motore boxer Subaru ma mai evoluta davvero a livello di potenza forse proprio per il contemporaneo procedere (!?) del progetto Supra. Lo schema tecnico dell'auto è quello della sorella minore (Toyota annuncia comunque che la rigidità della scocca è doppia), complicato però dall'intenzione di montare un 6 in linea, cosa che cambia decisamente assetti e bilanciamento rispetto al 4 boxer. Del resto la piattaforma comune con BMW prevede già questa archiettura motore, così come la struttura a 2 posti secchi. Ma mentre la Z4 sarà una coupé/cabriolet, la Supra verrà prodotta soltanto con carrozzeria coupé, e pur facendo a meno della struttura transaxle per il cambio, ritenuta troppo complessa e costosa, avrà una ripartizione dei pesi al 50% su ciascun asse. Per quanto riguarda il motore, sembra confermata la presenza di un sei in linea turbocompresso e solo in futuro verrà valutata un versione con supporto ibrido. Per quanto riguarda le corse, la versione racing Gazoo è stata realizzata secondo le specifiche GTE che sono praticamente le stesse delle GT Le Mans e ciò prelude a un'ampio supporto d'immagine alla versione stradale.

Nessun commento:

Posta un commento