4 settembre 2014

La Miata è tornata




L'ultima volta ne avevamo visto solo il sottoscocca all'ultimo salone di NY. Oggi finalmente è stata presentata la nuova Mazda MX-5, con il nuovo look che però non la allontana nettamente dal precedente modello, soprattutto nella parte posteriore, che a dirla tutta riecheggia addirittura lo stile Alfa Romeo e che quindi sarebbe già in linea con la nuova spider che il marchio (ex)nostrano dovrebbe realizzare sullo stesso telaio. L'impostazione di quest'auto lunga poco meno di 4 metri è ancora la stessa, con il posto guida arretrato per dare più sensazioni al guidatore, mentre il frontale, aggressivo solo nella mascherina, incarna il più recente andamento dei modelli Mazda. L'auto pesa 100 kg meno della precedente e adotta sospensioni anteriori a doppi quadrilateri e posteriori multilink che dovrebbero garantire una tenuta impeccabile (peraltro dote generalmente assai apprezzabile nelle vetture del marchio), con pneumatici di misura 195/50-16, quindi costi di gestione ragionevoli. Curiosamente non sono state fatte comunicazioni ufficiali relative al propulsore, dichiarando unicamente che si tratta di uno Skyactiv G a iniezione diretta; restano perciò validi i leak che parlano di un 2 litri da 120 e 140 CV oltre a un millecinque da 100. Il cambio è tradizionalmente manuale a 6 marce. Sarà interessante valutare l'andamento di mercato della Miata, perché questa è un'auto pura, per divertirsi, e dal suo successo o meno avremo una foto di quanto conti ancora il prodotto automobile per gli utenti del terzo millennio.

Nessun commento:

Posta un commento